Sito in costruzione

Il C.S. Brancaleone è un circolo Arci. Tesserati

'Se dai per scontato che non esista alcuna speranza, farai in modo che non esista speranza. Se dai per scontato che esista un istinto verso la libertà, farai in modo che ci sia un'opportunità di cambiare le cose'. Noam Chomsky

Con le dovute proporzioni noi crediamo che il percorso politico che ha prodotto la riapertura del Brancaleone sia la testimonianza che nella nostra città esiste ancora la possibilità di segnare qualche piccola vittoria per chi scommette e crede nell'indipendenza. Per quella sinistra di base che non vuole arrendersi al nichilismo o al minoritarismo votato alla sconfitta. Come è noto i tanti spazi abbandonati che a Roma sono tornati a vivere e sono stati valorizzati tramite la pratica dell'occupazione o dell'autogestione, sono da anni sotto attacco della delibera 140. Un'idea di gestione miope e legalitaria del patrimonio pubblico che ha coinvolto anche decine di associazioni che rappresentano il tessuto della società civile viva e attiva della città.

Ora, tre anni dopo, possiamo dire che il fallimento dell'idea di "riordino e valorizzazione" del patrimonio pubblico che sottintendeva a quella delibera sia sotto gli occhi di tutti. Nonostante questo fatica a imporsi con continuità nel dibattito pubblico della città un'idea alternativa. A noi piacerebbe che si potesse ripartire anche dalla vittoria della riapertura del Brancaleone per aprire una nuova stagione. Una vittoria giudiziaria, ma anche politica e culturale, giocata su tutti i terreni: quello della mobilitazione, della vertenza sociale e politica, della trattativa con le istituzioni locali (e su questo non possiamo che segnalare la coerenza e la puntualità degli impegni presi dell'amministrazione del III Municipio). Siamo però consapevoli che la riapertura del Brancaleone è assolutamente un risultato parziale per quanto significativo dentro la città, che serve prima di tutto a noi tornare a intessere discorsi comuni, alleanze, idee condivise. Nessuno ci regalerà niente e - mentre nuove liste di sgomberi vengono pubblicate sui giornali - non vogliamo trovarci impreparati per resistere ma soprattutto vogliamo costruire le condizioni affinché nuove esperienze possano fiorire in tutta la città.

Per questo invitiamo le realtà sociali e culturali, i centri sociali e le associazioni a discuterne insieme sabato 27 aprile dalle 17.00, in un'assemblea cittadina di presentazione del progetto politico e culturale del Brancaleone. Per noi si tratta di un nuovo inizio che vogliamo condividere con tutte e tutti.

 

Seguici anche su: